Seleziona una pagina

PELLE A BUCCIA D’ARANCIA? NO! ADDIO CELLULITE

Che cos’è la cellulite? 

La cellulite è anche detta “pannicolopatia edematofibrosclero-tica”, è un disturbo degenerativo che coinvolge il tessuto sottocutaneo.

La buccia d’arancia si forma perché le cellule di grasso penetrano attraverso lo strato di fibre di collagene al di sotto del derma. Di conseguenza si accumulano e ristagnano i materiali di rifiuto delle cellule, gli acidi grassi e la linfa.

Le cellule grasse vengono circondate da tessuto fibroso formando micronoduli e poi macronoduli.

Perché compare?

Le cause sono molteplici: alterazioni ormonali o infiammatorie, associate alla vita sedentaria, stress e alimentazione scorretta, influiscono negativamente sul normale funzionamento dei vasi sanguigni che arrivano alle cellule grasse per trarne energia utile. Ecco che queste cellule grasse non riescono ad essere usate correttamente come fonte energetica e si accumulano creando così un’ulteriore costrizione dei vasi. Si instaura allora un circolo vizioso che porta alla comparsa della cellulite.

Dove compare?

La cellulite si forma soprattutto nelle zone inferiori del corpo: zona pelvica, fianchi, caviglie, cosce, glutei, zona addominale.

Ne soffre oltre l’80% delle donne, soprattutto caucasiche. Bisogna trattarla tempestivamente altrimenti si aggrava col tempo!

Come prevenirla

Ci sono vari metodi per PREVENIRE la cellulite: dal massaggio al linfodrenaggio, dall’utilizzo di creme specifiche alla somministrazione di farmaci.

Tuttavia, il vero segreto è l’alimentazione giusta accompagnata da un’attività fisica regolare.

Ecco cosa devi fare per prevenire la cellulite:

  1. Tenere sotto controllo il peso corporeo e fare regolare attività fisica
  2. Avere un’alimentazione sana, ricca di vitamine e sali minerali
  3. Mangiare tante fibre per “nutrire” in modo ottimale la flora microbica intestinale, ottimizzando i processi metabolici.
  4. Evitare l’assunzione di farmaci se non prescritti dal medico (infatti ormoni, vasodilatatori periferici e calcioantagonisti possono agevolare l’insorgenza della cellulite).
  1. Evitare di accavallare le gambe o di indossare vestiti troppo stretti: non permettono lo svuotamento venoso facilitando il ristagno di sangue e l’accumulo di cellulite.

b. Sei a rischio cellulite? Scoprilo! (CAUSE)

Potresti essere predisposta/o alla cellulite se:

  1. Sei donna. Il sesso femminile è più predisposto rispetto a quello maschile
  2. Sei una donna caucasica. Circa l’80% delle donne del bacino del Mediterraneo tendono ad essere predisposte geneticamente alla cellulite.
  3. Hai in famiglia soggetti in sovrappeso o obesi. La cellulite in sé non è un problema, ma può indicare uno stile di vita scorretto che protratto nel tempo può degenerare da banale inestetismo, più o meno marcato, a vere e proprie patologie.
  4. Soffri di alterazioni ormonali come ipotiroidismo, iperestrogenismo. Peggiorano l’equilibrio idrosalino e favoriscono la cellulite.
  5. Mangi molti latticini, carne e grassi animali: l’eccesso di questi cibi può dare anomalie ormonali.
  6. Mangi molti zuccheri o cibi che ne contengono: gli zuccheri raffinati oltre a sregolare gli estrogeni causano l’iperinsulinismo
  7. Sei in gravidanza e perciò hai un elevato livello di estrogeni. Durante questo periodo i meccanismi di ritorno venoso sono inoltre meno efficienti del solito: l’utero comprime il diaframma, la camminata assume posizioni e andature viziate e scorrette, e i movimenti quotidiani vengono ridotti al minimo.
  8. Soffri di stipsi
  9. Noti alterazioni delle funzioni sessuali: una sana vita sessuale, infatti, contribuisce a contrastare lo stress fisico e mentale, favorendo il mantenimento dell’equilibrio psico-fisico.
  10. Hai spesso infezioni: causano indurimento dei vasi sanguigni
  11. Hai una alimentazione squilibrata che non permette al tuo microbiota intestinale di funzionare correttamente, ottimizzando i processi metabolici.
  12. Soffri di cattiva circolazione sanguigna che comporta una sofferenza e compromissione del metabolismo cellulare, aumentando la formazione cellulitica.
  13. Indossi spesso jeans e abiti stretti che ostacolano la circolazione
  14. Fumi: il fumo causa vasocostrizione, ogni sigaretta priva le cellule di 20 minuti di Ossigeno.
  15. Bevi spesso alcolici: l’alcol etilico dal punto di vista chimico disidrata e viene convertito in zucchero.
  16. sei stressato/a: Lo stress favorisce il rilascio di cortisolo, un ormone con struttura chimica simile al cortisone che favorisce il gonfiore e l’acutizzarsi di questo processo.

c. La cellulite non è tutta uguale! (FORMAZIONE E STADI DELLA CELLULITE)

La cellulite è una condizione patologica suddivisa in più stadi: infatti essa compare quando l’equilibrio tra il grasso che si forma e quello che si utilizza viene perturbato.

Nel primo stadio, si instaura una cattiva circolazione che porta poco sangue, e quindi ossigeno, ai tessuti. Inizia un alterato drenaggio dei liquidi. Aumenta il volume e l’accumulo degli adipociti (le cellule grasse). Le fibre elastiche dei tessuti iniziano ad irrigidirsi.

Nel secondo stadio, l’organismo cerca di risolvere il problema della cattiva circolazione e del poco drenaggio, creando una barriera che isola il tessuto. L’epidermide, lo strato più esterno della pelle, si assottiglia, diventa fragile e si disidrata.

Nel terzo stadio, si accumulano ulteriormente le sostanze di rifiuto della cellula. Il tessuto si ispessisce maggiormente, e ai tessuti arriva ancora meno ossigeno. Si crea la classica e tanto temuta pelle a “buccia d’arancia”!

Nel quarto stadio, la pelle assume un aspetto “a trapunta” o “a materasso”. La pelle appare asciutta e secca, con smagliature. Può addirittura essere dolente al tatto.

d. Sport anti-cellulite, scopri se ti stai allenando nel modo giusto (ATTIVITÀ

FISICA SPECIFICA)

La cellulite inizialmente si forma a causa della scarsa vascolarizzazione. Ecco perché è necessario fare costante attività fisica. Infatti, i cambiamenti metabolici a medio termine dell’attività fisica bruciano grassi sottocutanei responsabili dell’accumulo della cellulite. Più attività fisica facciamo meno cellulite abbiamo!

L’attività fisica perfetta per questa problematica è quella ad intensità medio-bassa per un tempo prolungato perché consente di utilizzare per lo più il tessuto adiposo come fonte di energia principale. Evitate attività troppo intense ed impattanti perchè potrebbero favorire la formazione di tossine dannose per il microcircolo adiposo portando alla formazione di acido lattico.

Le attività consigliate per evitare la cellulite sono: camminata veloce, nordic walking, nuoto o fitness in acqua, cyclette o bike.

Per prevenire efficacemente la cellulite vi consiglio il fitness in acqua, innanzitutto perché l’allenamento in acqua è più intenso ma molto meno traumatico per le articolazioni (la forza di gravità in acqua è notevolmente ridotta rispetto a quella all’aria aperta) e perciò è un’attività perfetta anche per persone anziane, donne in gravidanza, persone sovrappeso o obese, sportivi infortunati.

I vantaggi del fitness in acqua sono questi:

  • Non grava sulle articolazioni, ma al contrario le lascia libere di muoversi senza indurre eventi traumatici o dolori infiammatori che potrebbero instaurare o peggiorare la cellulite
  • Favorisce la circolazione perchè stimola il microcircolo, la capillarizzazione e il ritorno venoso negli arti inferiori. Inoltre, permette ai muscoli di lavorare in modo aerobico in modo più efficace rispetto al lavoro a terra.
  • Migliora la respirazione: la pressione esercitata dall’acqua rinforza i muscoli della gabbia toracica.

Ci sono tantissime tipologie di ginnastica in acqua e ciascuna è preferibile in alcune condizioni:

  • Acquagym: la più diffusa attività fisica in acqua dopo il nuoto, che si serve di attrezzi come pesi, tubi, step o bike. È fortemente consigliata in gravidanza soprattutto perché riduce la pressione in zona lombare prevenendo il mal di schiena.
  • AcquaFin: è una evoluzione dell’acquagym. Gli esercizi sono simili, con la differenza che alle caviglie ed ai polsi vengono applicate delle alette che aumentano la resistenza dell’acqua, aumentando il grado di difficoltà degli esercizi. È ottima nella riabilitazione degli infortuni negli atleti.
  • Acquawalking: come dice il nome, consiste in una passeggiata in acqua, garantendo i benefici dell’attività in acqua (minore pressione articolare) e quelli della camminata. Perfetto soprattutto per anziani e soggetti affetti da obesità.
  • Hydrobike o hydrospinning: si usano apposite cyclette poste in acqua. Una fusione tra lo spinning e la tradizionale cyclette, a tempo di musica. Ideale per chi vuole perdere peso ma non è particolarmente incline all’attività fisica aerobica di lunga durata.
  • Tapis: un tapis roulant studiato per eseguire un lavoro aerobico con diversi tipi di andature in acqua. Le diverse intensità di andatura permettono di tonificare gli arti inferiori e i glutei, di bruciare i grassi, di svolgere un efficace lavoro cardio circolatorio generale e periferico e di favorire il massaggio linfodrenante grazie alla resistenza che oppone l’acqua al movimento.

e. Trucchi anti-cellulite

Per evitare la cellulite, sono caldamente consigliate le attività aerobiche perché permettono all’ organismo di usare principalmente il tessuto grasso come fonte di energia principale. È sempre bene ricordare, poi, che più attività fisica facciamo meno cellulite avremo. Questo accade perché l’attività fisica fa aumentare la vascolarizzazione e favorisce la funzionalità del microcircolo. Inoltre, bisogna partire dal presupposto che il metabolismo basale è direttamente proporzionale alla massa muscolare, quindi, più muscoli abbiamo più kcal bruciamo. Le persone sportive hanno solitamente più muscoli rispetto alle persone sedentarie, ed è per questo che bruciano più kcal, e sono meno inclini alla formazione della cellulite. Ricordatevi che la cellulite si forma anche, ma non solo, per il grasso in eccesso!

Ecco dei piccoli trucchi anti-cellulite che puoi mettere in pratica quotidianamente: non tenere le gambe vicino a fonti di calore, evita di tenere le gambe flesse per diverse ore, non stare troppo seduto ma alzati spesso per far circolare il sangue in modo migliore, usa calzature abbigliamento che non stringano l’ addome e le cosce, evita i bagni caldi con acqua ha più di 30 °C, evita l’esposizione prolungata al sole con le gambe scoperte, tieni sotto controllo il peso, evita i grassi animali, evita gli zuccheri raffinati, assumi tante fibre, mantieni una buona attività sessuale, non fumare, non consumare alcol e soprattutto non ti stressare!